Il Vermentino Superiore dei Colli di Luni di Ottaviano Lambruschi

Settembre 18, 2020

Stappi e ancora prima di versare senti l’uva, come se la stessero premendo proprio ora. Sensazione molto piacevole.

La lucentezza del colore è davvero invitante: un giallo paglierino carico con bellissime sfumature dorate, perfettamente cristallino (caratteristica minima e indispensabile per i vini di Fabio).

I profumi

sono forti e avvolgenti, le note dolci del succo d’uva colpiscono subito, poi arriva il tiglio, netto e inconfondibile; note più verdi e salmastre incuriosiscono per la contrapposizione di profumi che si alternano tra impressioni a tratti dolci a tratti più pungenti come il timo, lo iodio e una leggera nota fumé.

Il sorso

è pieno, appagante, caratterizzato da una sapidità esplosiva quasi piccante e da ricordi di frutta dolce matura. Un vino estremamente bilanciato, un equilibrio perfetto tra potenza espressiva e struttura… e l’eleganza?

Quella la senti nel finale, lunghissimo, quasi granitico per compattezza gustativa; allo stesso tempo, in punta di piedi, sfuma sulla caratteristica nota ammandorlata accompagnata da un sottile ricordo iodato.

Articoli che possono interessarti

Dieci vini per il pranzo di Pasqua

Dieci vini per il pranzo di Pasqua

Anche quest’anno la Pasqua è alle porte Certo, sarà sicuramente strana e con toni decisamente distopici, dalla spesa per il pranzo tra enormi code al supermercato armati di guanti, mascherine e una buona dose di ansia, sino al giorno di festa, senza veglione Pasquale,...

leggi tutto

Share This