Dieci vini per il pranzo di Pasqua

Aprile 06, 2020
Anche quest’anno la Pasqua è alle porte

Certo, sarà sicuramente strana e con toni decisamente distopici, dalla spesa per il pranzo tra enormi code al supermercato armati di guanti, mascherine e una buona dose di ansia, sino al giorno di festa, senza veglione Pasquale, pranzo tradizionale con parenti e amici e classica passeggiata digestiva in centro o, per chi vive come noi sulla costa, lungomare o sulla darsena. Insomma, dovremo accontentarci della compagnia dei nostri coinquilini, parenti stretti, se non addirittura di un pranzo in diretta streaming.

Tuttavia, almeno dal nostro punto di vista, tutto questo non ci farà passare la sete, ma non una sete generica, una sete di qualcosa di buono, un po’ come il “voglino” della signora vestita di giallo di quella storica pubblicità, solo che al posto di Ambrogio c’è il nostro sommelier di fiducia e se si azzarda a passarci un Ferrero Rocher la nostra reazione non è detto che sia poi così composta.  

Ecco quindi che abbiamo deciso di vergare questa lista, proponendo dieci vini della nostra selezione per il pranzo di Pasqua e per il giorno di Pasquetta.

Fermentino 

Come non iniziare da una bollicine lieve, sottile e divertente come il metodo ancestrale dell’Azienda Agrituristica La Carreccia. Un vino ottenuto da uve 100% vermentino che riposa in bottiglia a contatto con i propri lieviti fino al momento del servizio. Si può decidere di rimettere i lieviti in sospensione prima di servirlo o lo si può scaraffare per separare le parti solide e sorseggiare così un vino perfettamente limpido. I profumi sono delicati con note di agrumi e leggeri ricordi di erbe aromatiche e lievito; il sorso è rinfrescante, di grande piacevolezza con un finale medio lungo. Ma attenzione, è un vino pericolosissimo, un bicchiere tira l’altro. Rappresenta un abbinamento perfetto con la tipica torta Pasqualina o con antipasti misti sia di mare che di terra: meraviglioso sia con un carpaccio di salmone affumicato, rucola e pepe rosa che con l’intramontabile crostino toscano con i fegatini! 

Posticciolo

È il Vermentino Doc dei Colli di Luni di Cantina dell’Ara e prende il nome dall’omonimo vigneto, situato sulle colline di Sarzana. Un vino perfetto per iniziare un pranzo grazie alla sua grande delicatezza, ai suo profumi sottili che ricordano agrumi maturi e fiori bianchi, al suo gusto si leggero e beverino, ma dal sapore pieno ed appagante. Perfetto da abbinare con le torte di verdura o con antipasti come acciughe ripiene e crostini di mare.

Villa Linda

È un Vermentino Doc dei Colli di Luni ottenuto vinificando le uve del podere Villa Linda dell’azienda agricola La Pietra del Focolare, provenienti dalle piante più vecchie di vermentino dell’azienda, coltivate in località “Becco”, che danno pochi frutti ma di altissima qualità. Ricco di profumi e dal carattere marino, questo vermentino gioca le sue carte migliori su dei ricordi di macchia mediterranea e fiori gialli e su un gusto pieno e saporito.  Adatto a essere abbinato a piatti importanti della cucina tirrenica come lo spaghetto allo scoglio o dei ravioli di mare, ma perfetto come abbinamento anche ad una bella zuppa di moscardini o sul cappon magro ligure, tipicamente cucinato alla vigilia di Natale o al Venerdì Santo.    

Il Maggiore 

Uno dei due cru dell’azienda agricola Ottaviano Lambruschi, un vino famoso e rinomato nei Colli di Luni e in tutta alta costa tirrenica. Ottenuto dalle uve dell’omonimo vigneto, il più alto dell’azienda. Un vino conosciuto per le sue spiccate doti minerali e per la sua sapida eleganza fruttata. Alterna profumi marini e salmastri a dolci note di pesca gialla matura e ginestra. Il sorso è ricco e avvolgente, perfettamente bilanciato tra la morbidezza dell’alcol e la decisa sapidità. Questo vino può essere abbinato a importanti piatti di pesce ma non teme l’accostamento con carni bianche come il coniglio o, giusto per l’occasione, perchè non abbinarlo a uno scottadito di agnello, magari quello di Zeri, così giochiamo in casa!

Falce di Luna Calante

È il vino di punta dell’azienda agricola La Maestà. Uno dei pochi Vermentino Superiore dei Colli di Luni Doc. Un prodotto particolarissimo ottenuto da uve vermentino in purezza vinificate in parte in acciaio e in parte in barriques, successivamente il vino affina in barriques per 5 mesi a contatto con le fecce fini rimesse in sospensione da frequenti bâtonnage. Il risultato è un vino equilibratissimo ed elegante dove le classiche note di frutta e di macchia mediterranea del vermentino vengono messe in risalto dall’affinamento. In bocca è snello, scattante e succoso. Un vino da abbinare ad un buon coniglio alla ligure oppure ad una succulenta zuppa di pesce in rosso.

Extreme 

È un vino ottenuto da uve 100% vermentino che restano a contatto con il mosto durante la fermentazione. Un orange wine dell’azienda agricola Spagnoli nato sul colle di Arcola, un vino capace di sfidare il tempo e di sorprendere i commensali grazie alle sue doti che lo rendono perfetto per osare qualche abbinamento poco convenzionale. Il colore è un giallo ambrato intenso, i profumi sono decisi e ricordano il sottobosco mediterraneo, resinoso e marittimo con nette note di frutta matura, quasi essiccata. In bocca è secco e dalla grande sapidità, avvolgente, diretto e rotondo con una chiara nota tannica che guida su un finale lungo e intenso. Non abbiamo dubbi, è da provare con dei tortellini di carne in brodo di manzo o con l’intramontabile agnello al forno con patate. Provare per credere!

La Merla della Miniera 

È un vino prodotto dall’azienda agricola Terenzuola. Un rosso succoso e fruttato ottenuto dalle uve localmente dette “merla” più note come canaiolo nero. I profumi sono densi di piccoli frutti a bacca scura, note di sottobosco e un leggero sentore speziato. In bocca è meraviglioso per freschezza e succosità, con un tannino presente ma delicato ed elegante. Ottimo da abbinare ad un una ricetta tipica come  un croccante capretto al forno o al fritto misto di terra.

Vigna Chiusa 

Un rosso dell’azienda agricola Santa Caterina, figlio dell’uvaggio tra merla (canaiolo) accompagnata da un 20% di sangiovese che aggiunge una dose di freschezza, succosità e tannino.

Un vino dalla grande beva, croccante e goloso si fa forte di note che ricordano la ciliegia e la viola. In bocca è strutturato, la dolcezza fruttata dell’uva è accompagnata da una decisa acidità e da un tannino schioccante ma educato. Perfetto per una bella grigliata mista di carne.

Margot

È il “Super Ligurian” dell’azienda agrituristica Pian della Chiesa, una piccola realtà nascosta in un’inaspettata piana in località Zanego, su Montemarcello. Le uve utilizzate sono syrah, merlot e massaretta e danno vita ad un vino rosso dalla grande struttura e potenza fruttata.

Il colore è un rosso rubino impenetrabile e i profumi sono avvolgenti e golosi, ricordano piccoli frutti scuri maturi e dolci. Il gusto è avvolgente e vellutato, accompagnato da decise note fruttate incredibilmente fresche e croccanti, tannino deciso che guida su un lungo finale fruttatissimo e leggermente pepato. Meraviglioso da abbinare al capretto in umido o a un buon fritto misto, se poi il fritto è di frattaglie allora la libidine è assoluta!

Nektár

Come non chiudere con il passito di uve vermentino di Cantine Lunae. Un vino dal colore dell’oro, ricco di profumi come la confettura di albicocche, resina e miele. In bocca è grazioso, delicato e perfettamente equilibrato tra una dolcezza avvolgente un ricordo agrumato che gli dona freschezza e grande serbevolezza. Assolutamente adatto per accompagnare la tradizionale colomba o focaccia pasquale.

Noi dieci idee le abbiamo messe in campo, ora tocca a voi dirci cosa ne pensate!

Cogliamo inoltre l’occasione per augurare a tutti una Buona Pasqua, nell’attesa di ritrovarci nuovamente per un pranzo o una cena, un’escursione o un buon bicchiere di vino.

Auguri a tutti dallo staff di vermentinocollidiluni.it e da Palomita Blanca Ristorante Enoteca! 

A presto

Articoli che possono interessarti

Fugastro Rosa 2018

Fugastro Rosa 2018

Fugastro rosa ha una tonalità di colore tenue e delicata, un rosa leggero leggero simile alla cipria. Il naso contrariamente al colore, è ricco e fin da subito intenso.  Perfettamente in linea con il suo nome, “Fugastro” qualcosa di selvaggio, si esprime in sfumature...

leggi tutto

Share This